Le nostre Emozioni…in equilibrio??

Ho assistito di recente ad una bellissima lezione del mio Insegnante e Fondatore di ScuolaTao, dr. Massimo Muccioli che parlava di quanto le nostre emozioni spesso ci travolgano e non ci permettano di scegliere o vedere chiaramente la strada migliore per la nostra crescita personale, perché il nostro Cuore è “troppo pieno”. Tra poco capiremo meglio cosa intendo;)

Questo avviene sia per la nostra cultura postmoderna, in cui ci viene trasmesso che “le emozioni sono l’unica cosa che ci tiene vivi” e sia per un vissuto personale che molti di noi si portano dietro per cui “se non provi emozioni allora sei apatico o depresso” inculcata in un certo tipo di istituzioni, talvolta a sproposito.

In realtà, seconda la antica e saggia Medicina Cinese, ogni emozione è di per sé benefica se viene gestita e “fatta decantare” senza creare disequilibri al sistema funzionale (Organo- Viscere associato), sia potenzialmente e verosimilmente nociva, se viene accompagnata da un carico eccessivo e non gestito a livello emozionale, che va a disequilibrare il sistema corrispondente.

Ogni emozione che perdura nel tempo infatti, può rappresentare una causa di perturbazione corpo- mente, che coinvolge il  sistema corrispondente, come da vignetta che vi posto qui sotto (semplificare aiuta a capire concetti elaborati):

Il Pensiero pertanto deve essere il più possibile simile all’acqua: deve FLUIRE, non si deve aggrappare a niente ma adattarsi alla forma attuale (e quindi all’emozione che sopraggiunge) ma senza divenirne schiavo e renderla perenne e costante, altrimenti si trasforma in ossessione, in distacco dal senso di realtà.

La Medicina Cinese attribuisce un grande valore alla nostra capacità di dominare e comunque di preservare la nostra Anima, e di conseguenza il nostro Cuore che tutto governa, il più liberi possibile da emozioni potenzialmente nocive, che possono dare origine facilmente a cause di disequilibrio interno (malattie).

Come fare quindi per una sana gestione emotiva?

La MTC ci lascia questa importante lezione: “L’Emozione è amica quando te ne prendi cura”, ossia, quando il nostro Cuore (inteso come centro energetico) è libero di lasciar fluire l’emozione e non farla albergare in maniera costante o duratura.

Personalmente, suggerisco di sperimentare alcuni strumenti per “lasciare andare” e per non essere travolti dall’emozione, di qualunque natura essa sia:

Meditazione (almeno 10 minuti tutti i giorni ad occhi chiusi) in cui poter osservare la propria mente senza soffermarsi su nessun pensiero che sopraggiunge). All’inizio sarà molto dura mantenere il punto di vista “esterno”, ma con la pratica costante si ottengono benefici immensi!

Abitudini di vita il più possibile PURE (cibi ricchi di Jing che permettono al nostro Qi-Energia di fluire e non ristagnare) unite alla respirazione sotto-ombelicale (respiro che “muove l’acqua” ossia l’energia del Rene, la nostra origine).

Supporti naturali alla gestione emotiva, quali gli Oli essenziali, che vedo ogni giorno lavorare molto bene su di me che su molte persone con cui vengo in contatto. E’ importante selezionare il mix o il rimedio giusto per la necessità che si sta attraversando ed utilizzarlo nel momento in cui sopraggiunge “l’onda emotiva” che può travolgerci.  Ma che man mano lo farà sempre meno.

Piccole conquiste quotidiane.

 

Un abbraccio di luce,

Ely Fiordiloto

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.